«Mi sentivo sempre stanca, il dottore mi ha continuato a dire di perdere peso»: dopo due anni scopre la verità

Quando il nostro corpo ci manda dei segnali, è importante cercare di ascoltarli in modo da prendere provvedimenti per tempo. A volte, tuttavia, accorgersi che qualcosa non va e fare qualcosa al riguardo non è abbastanza: la nostra salute passa inevitabilmente nelle mani di chi ne sa più di noi e la responsabilità del dottore è quella di comprendere la causa del nostro malore e prendere sul serio la preoccupazione che ne deriva.

A volte, un po’ per leggerezza o magari per esperienze pregresse di pazienti particolarmente ipocondriaci, questo non accade. In particolare, sembra essere un trend piuttosto diffuso quello di dar la colpa al peso per i più svariati problemi e limitarsi a suggerire di dimagrire, senza prendersi la briga di fare esami costosi sia dal punto di vista economico che di tempo. 

Sam Hart ha raccontato la sua vicenda in un video pubblicato recentemente su TikTok che in poco tempo ha superato le 3 milioni di visualizzazioni: per due anni ha lamentato una stanchezza estrema e l’unica risposta ricevuta dal dottore è stata di dover perdere peso. Poi, quando è arrivato il nuovo medico, la ragazza ha trovato qualcuno che prendesse sul serio i suoi sintomi e ha subito scoperto quale fosse il problema. 

Menopausa a 15 anni, il calvario: «Tre anni per una diagnosi». Poi il regalo delle sorelle che potrebbe cambiarle la vita

 

«C’è qualcosa che non va», la storia di Sam

Il lungo viaggio di Sam Hart per ricevere una diagnosi è iniziato due anni fa, quando ha deciso di andare dal dottore per risolvere una situazione che non riusciva più a gestire: «Sono sempre stanca, c’è qualcosa che non va», ha detto la ragazza, «e lui ha risposto “Devi soltanto perdere peso”. Ho provato a insistere e spiegargli che non era normale sonnolenza, era estrema, tanto che a volte avevo necessità di sdraiarmi e riposare perché se non lo avessi fatto sarei crollata e mi sarei addormentata in ogni caso. E lui ha continuato: “Sì, è solo il sovrappeso”».

Ma Sam non si è arresa e ha continuato a cercare di far capire al dottore che non poteva trattarsi semplicemente di una questione di qualche chilo in più, informandolo su altri sintomi nella speranza di essere ascoltata: «Gli ho detto che quando corro mi si addormenta il piede e tutto ciò che mi ha risposto è stato “Hai provato a non pensarci?”. Ho chiesto se potessi fare dei test per la fertilità dato che mia mamma ha avuto una menopausa precoce e lui… “Forse dovresti cercare di calmarti e stare più tranquilla, sembri una persona molto ansiosa”». 

Senza sapere bene cosa fare e pensare, Sam se n’è andata «sentendosi una me**a» e nel video mostra il suo corpo e dice: «Certo, potrei anche perdere qualche chilo, ma insomma… non credo che il mio peso sia così eccessivo da avere un impatto sui miei livelli di energia». Durante l’inverno ha visitato un altro dottore, presentandogli gli stessi sintomi. Stavolta, sono stati attribuiti al freddo e al cambio della stagione. Un ulteriore appuntamento, invece, è terminato con un caustico commento sulla sua età: «Tesoro, stai solo invecchiando, benvenuta nel club».

Poi, finalmente, è arrivato un nuovo dottore e Sam ha iniziato la conversazione mettendo in chiaro: «Non voglio parlare del mio peso. Sono sempre stanca e c’è qualcosa che non va». Stavolta, le è stato prescritto subito uno studio del sonno e poco dopo è arrivata la diagnosi: «A quanto pare non ero pazza e non era perché sono sovrappeso: soffro di apnee notturne quindi praticamente il mio corpo non riesce a riposarsi durante la notte».

Gli utenti hanno espresso il loro supporto per ciò che Sam ha dovuto passare: «Mi dispiace e sono contenta che alla fine tu abbia trovato qualcuno disposto ad ascoltarti», «Le apnee del sonno possono anche causare aumento del peso (ma tu non sei affatto sovrappeso), il dottore è grassofobico». Infine, c’è chi ringrazia Sam per aver condiviso la sua esperienza che li ha spinti a controllare se soffrissero di apnee del sonno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *